Notte d'Arte a Napoli con Amref

Sabato 12 dicembre Saba in concerto per Amref da piazza Dante, a Napoli, in occasione della quarta edizione della Notte d'Arte. 

Leggi tutto: Notte d'Arte a Napoli con Amref

Concerto per la Vita e per la Pace a Otranto

In occasione della giornata mondiale della Pace, Saba partecipa al grande Concerto ospite della Banda Adriatica, il primo gennaio 2016 a Otranto.

Leggi tutto: Concerto per la Vita e per la Pace a Otranto

Saba in concerto al RichMix di Londra

Organizzato da Numbi (production org based in London that produces cross-art projects and works in partnership with artists, educators and peer organisations locally, nationally and internationally) il concerto di Saba è al RichMix, il santuario della WordlMusic a Londra. 

Numbi is back this December, their last event of the year. Join us for a live concert to celebrate Saba Anglana's new album Ye Katama Hod (The Belly of the City) with her full band (Federico Marchesano - upright bass, Mattia Barbieri - drums, and Fabio Barovero - accordion), from Italy sharing her songs, and exquisite and magical sounds.

Leggi tutto: Saba in concerto al RichMix di Londra

Concerto alla Festa della Paesologia 2015

Saba chiude il festival diretto da Franco Arminio. LA LUNA E I CALANCHI-FESTA DELLA PAESOLOGIA

Ad Aliano (Matera) dal 22 al 27 agosto c’è la festa della paesologia. La festa è ideata e concepita da Franco Arminio, il paesologo che da anni attraversa e racconta i paesi dell’Italia interna.

L’organizzazione è a cura del Comune di Aliano, col contributo economico della Regione Basilicata.

Nel paese descritto da Carlo Levi nel suo Cristo si è fermato a Eboli si radunano lietezze operose e inoperose, affanni, tremori, tentativi di seminare qualcosa nella miseria spirituale dilagante. Aliano è lontana, non arrivano masse distratte, ma casi singoli, anime spaiate, gente che non appartiene al consorzio dei furbi e degli ingordi. Aliano è un’isola, un altrove dentro l’Italia, un luogo in cui anche la desolazione diventa beatitudine: è l’eros dell’orlo, l’oreficeria del vuoto. 

Il paesaggio inoperoso dei calanchi, una volta considerato emblema del disagio, oggi diventa lirico, solenne. Ciò che stava dietro si fa avanti. Il margine diventa fecondo. La festa della paesologia contiene l’idea che nei luoghi dell’Italia interna può nascere qualche germoglio di una nuova civiltà che ci piace chiamare umanesimo delle montagne. 

Crediamo che la poesia e le arti in generale possano avere un ruolo importante di riattivazione comunitaria. La festa della paesologia intreccia ardori intimi e passioni civiche. Non è un festival del cinema, della letteratura, della musica, ma una comunità provvisoria che intreccia gli abitanti del paese, le persone invitate e i visitatori. Per sei giorni e sei notti si legge, si canta, si suona, si discute in un cantiere che è una serena obiezione all’autismo corale.

Il futuro è in chi crede alla terra e alla sua sacralità, non in chi pensa solo a saccheggiarla. Il futuro è in chi non  guarda il Sud con la vecchia lente sviluppista,  è in chi lavora con scrupolo e utopia, in chi tiene assieme il computer e il pero selvatico.

La festa della paesologia non propone un divertimento estivo, ma una nuova militanza, poetica e politica. Chi viene ad Aliano sceglie una visione, partecipa a una lotta. La Luna e i Calanchi fa parte di un movimento più ampio sulle aree interne. Arminio ha redatto la bozza di strategia della Montagna Materana, area pilota del progetto costruito da Fabrizio Barca, e con molte altre persone ha creato la casa della paesologia a Trevico, in Irpinia.